Sfrappole (o Chiacchiere) di Carnevale, ricetta di Luca Montersino




Non mi sono mai piaciute le sfrappole.
Non mi sono mai piaciuti i dolci di carnevale.
Quando da piccola, dopo aver passato il pomeriggio tra i carri del carnevale di Pieve, andavamo dalla zia di mia mamma, la tavola era ricoperta di sfrappole, tortelli dolci e altre cose tipiche del carnevale.
Vi giuro che non ho mai mangiato niente, NIENTE!
Nemmeno i tortelli ripieni di crema che faceva il mio nonnone, ed ora lo rimpiango perchè non potrò mai più assaggiarli.

Poi però ho imparato a cucinare, ad essere curiosa verso il cibo e a rivalutare un sacco di cose.
Zucchine, nocciole (cioè non mi piacevano le nocciole, roba da matti) e le SFRAPPOLE.
Poi qualche giorno fa vedendo qualche foto, Marco mi fa: "Perchè non provi a farle tu le chiacchiere?? Le mangerei volentieri!!".
Me l'ha servita praticamente su un piatto d'argento.
E' bastato qualche click per capire che avrei potuto provare ad occhi chiusi una sola ricetta.
Si, sempre lui, Luca Montersino.
Non c'è niente da fare, ottime al primo colpo.
Leggere, croccanti, friabili e per nulla unte. Non sembrano nemmeno fritte.
Son quelle cose che...ne fai una montagna ma spariscono sempre, perchè una tira l'altra.
In questo caso più che mai.

PROVATELE ^_^






INGREDIENTI per circa 40 sfrappole:

400 gr farina forte (tipo manitoba)
60 gr zucchero a velo
40 gr burro
85 gr uova intere + 30 gr tuorli
6 gr lievito per dolci (baking)
40 gr latte fresco (io ne ho messo circa 60 gr)
10 gr aceto bianco
4 gr sale
1 bacca di vaniglia

olio di semi di arachide per friggere


Per l'impasto, in una ciotola riunite la farina (tenete da parte 20-30 grammi circa, per poi unirla all'occorrenza una volta formato il panetto), le uova e i tuorli, lo zucchero a velo, il lievito per dolci, il latte, l'aceto, il sale e i semini della bacca di vaniglia. Cominciate ad impastare con una forchetta e successivamente con le mani.
Dovete formare un panetto omogeneo e non troppo duro, quindi all'occorrenza potete aggiungere del latte, poco per volta per valutare la consistenza. Se invece vi sembra piuttosto morbido, aggiungete anche la restante farina.
Questo perchè non tutte le farine sono uguali...se ne state usando una piuttosto forte, l'impasto richiederà un pò più di liquido.
Comunque una volta ottenuto un panetto omogeneo, aggiungete il burro morbido (prendetelo fuori dal frigo qualche ora prima o scaldatelo per pochissimi secondi nel microonde, non deve sciogliersi!).
Aggiungetelo poco per volta perchè...insomma, si fa un pò di "paciugo" sulla spianatoia.

Una volta unito per bene il burro avrete un impasto morbido e profumato.
Ora riponetelo in frigo per 12 ore circa (se ne rimane 14 non succede nulla).

Passato il tempo, riprendete l'impasto, tagliate in 4 parti (non maneggiatelo troppo) e stendete ogni parte fino ad ottenere uno spessore sottilisssssssimo.
Per questo l'ideale sarebbe la macchina per tirare la pasta ^_^
Io l'ho "ereditata" da poco e devo dire che è davvero comoda!
Quindi, se avete la macchinetta, passate le sfoglie nell'ultimo foro, anche un paio di volte, per assottigliarle bene. Con il mattarello ci vuole un pò di olio di gomito.
Ottenute le sfoglie sottili, tagliatele a rettangolo con un taglia pasta, praticando anche un foro nel mezzo.
Io le ho arrotolate su se stesse ma si possono lasciare anche così.




Ora scaldate l'olio a 160 gradi e friggete ogni chiacchiera. Sarà sufficiente qualche secondo per lato, non devono scurirsi troppo.
Scolatele per bene su della carta assorbente e fate cadere su ciascuna una montagna di zucchero a velo ^_^

Ah, rimangono buone per 2-3 giorni....se ci arrivano.

P.S: l'impasto crudo si può anche congelare. Basta poi lasciarlo scongelare in frigo e si procede come indicato.







Commenti

  1. altra cosa che abbiamo in comune...non ho mai amato molto il carnevale in generale, forse da piccolissima sì, ma crescendo mica tanto...e soprattutto non mi sono mai piaciuti i dolci tipici del carnevale...tranne...le chiacchiere!! Che però ho rivalutato anche io solo ultimamente...le tue sembrano davvero invitanti!! Buona settimana!!

    RispondiElimina
  2. Belle e buone e immagino come una tira l'altra !

    RispondiElimina
  3. io ho il problema per il peso delle uova, come si fa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In che senso problema? Basta pesarle (sgusciate) in una normalissima bilancia :-) Tieni conto che un uovo intero pesa in media 50 grammi e un tuorlo 16-18 grammi.

      Elimina

Posta un commento

Se ti va, lasciami un commento: risponderò con piacere :)

Post più popolari